Menu di scelta rapida

Link alla versione stampabile della pagina corrente



Goal 2

GOAL 2: Porre fine alla fame, raggiungere la sicurezza alimentare, migliorare la nutrizione e promuovere un’agricoltura sostenibile


2.1 Entro il 2030, eliminare la fame e assicurare a tutte le persone, in particolare i poveri e le persone in situazioni vulnerabili, tra cui i bambini, l'accesso a un’alimentazione sicura, nutriente e sufficiente per tutto l'anno

Il Comune di Cuneo è impegnato ad assicurare a tutte le persone, in particolare i poveri e le persone in situazioni vulnerabili, l'accesso a un’alimentazione sicura, nutriente e sufficiente per tutto l'anno, attraverso una molteplicità di azioni:

Progetto S.P.E.S.A.

PROGETTO S.P.E.S.A. (Sostegno Per Equa Spesa Alimentare): Il progetto S.P.E.S.A. è stato avviato nel 2007 dal Consorzio Socio Assistenziale del Cuneese come iniziativa di solidarietà e di risposta alle emergenze delle famiglie bisognose che, solitamente, ricevono beni alimentari secchi. A seguito di un confronto sui bisogni materiali delle persone che fanno riferimento ai servizi dello C.S.A.C., su quelli riscontrati dall’Associazione di volontariato “Centro Don Luciano Pasquale" (che segue operativamente il progetto) e considerando che altre associazioni del territorio garantiscono (generi alimentari a lunga conservazione), si è deciso di realizzare il Progetto S.P.E.S.A. per sostenere alcune famiglie, con diverso numero di componenti, nell’acquisto di generi alimentari freschi di uso quotidiano (pane, formaggi, frutta, verdura, carne). Il Comune di Cuneo ha stabilito che le somme raccolte con il 5 per mille saranno destinate alla realizzazione di servizi e attività di aiuto alla popolazione, con il supporto per il 50% al progetto “S.p.e.s.a.” e per il 50% a sostegno della Rete Antiviolenza Cuneo per il contrasto alla violenza contro le donne.

MENSA SOCIALE DI CUNEO: la mensa sociale o mensa indigenti è attiva a Cuneo in via Massimo D’Azeglio, nei locali concessi in comodato d’uso dall’Associazione San Tomaso alla Fondazione San Martino, completamente rinnovati nel 2012 con il contributo anche della Fondazione Crc. La mensa è gestita da Caritas, in partenariato con Orizzonti di Pace. La Mensa “Claudio Massa” è aperta tutti i giorni, all’ora di pranzo e cena, per garantire un pasto caldo alle persone e alle famiglie in difficoltà: il costo dei pasti a pranzo è finanziato interamente dal Comune di Cuneo, mentre i pasti serali vengono forniti gratuitamente dall’Amos Srl. Il servizio mensa garantisce gratuitamente 100 pasti al giorno grazie al coordinamento di due Responsabili e 132 volontari che si alternano a servire i pasti durante la settimana. 

PRANZO DI SOLIDARIETÀ: momento conviviale e di solidarietà che coinvolge ogni anno quasi un centinaio di partecipanti tra le persone individuate dalla rete creata con la Caritas Diocesana di Cuneo e l’Associazione San Vincenzo, per la loro particolare e problematica situazione socio-economica, volontari e operatori del settore e rappresentanti istituzionali.

Solidarietà alimentare

FOCUS PERIODO LOCKDOWN E POST LOCKDOWN
Gli effetti della crisi legata all’emergenza sanitaria generata dal COVID-19 hanno generato un forte impatto sulla vita delle persone, generando una prima reazione diffusa volta a garantirsi scorte alimentari ed a scegliere alimenti che, a prezzi minori, riuscissero comunque a soddisfare il senso di sazietà (pasta, farine) a volte a discapito della qualità nutrizionale. Tale fenomeno e l’aumento della povertà ha evidenziato situazioni critiche, in periodo di lockdown, specialmente di chi vive in condizioni economiche difficili, innescando la necessità di ricorrere con urgenza a misure di solidarietà alimentare.
Su questo fronte oltre alle misure già citate nel Target 1.5 ed adottate direttamente dal Comune (1500 Buoni Pasto e Donazioni per la Solidarietà Alimentare) hanno assunto un ruolo importante anche le strutture del terzo settore impegnate nel recupero delle risorse alimentari e nella loro distribuzione alle persone in difficoltà, in particolare 500 borse spesa distribuite da Caritas Diocesana e San Vincenzo, con cui il Comune ha firmato un accordo che ammonta economicamente a 30.000 euro.
Inoltre, in periodo di lockdown il Comune di Cuneo, insieme alle associazioni di categoria, ha garantito la massima diffusione delle informazioni circa le attività che effettuavano consegne a domicilio di generi alimentari, un servizio rivolto soprattutto ad anziani e persone con difficoltà.

Torna a inizio pagina


 

2.2 Entro il 2030, eliminare tutte le forme di malnutrizione, incluso il raggiungimento, entro il 2025, degli obiettivi concordati a livello internazionale sull'arresto della crescita e il deperimento dei bambini sotto i cinque anni di età, e soddisfare le esigenze nutrizionali di ragazze adolescenti, in gravidanza, in allattamento e delle persone anziane

Nei paesi in via di sviluppo come l’Italia, il Target 2.2. assume connotazioni specifiche principalmente legate all’educazione alimentare, volta a garantire una buona qualità nutrizionale di bambini e anziani e la lotta al consumo di prodotti ultra-processati o poco nutrienti, se non addirittura dannosi per la salute.

“Alimentazioni: buoni propositi per alimentarsi in modo sano”

Sul fronte dell’Educazione Alimentare: è in distribuzione nelle scuole cuneesi il volumetto “Alimentazioni: buoni propositi per alimentarsi in modo sano”, realizzato da “+eventi edizioni” in collaborazione con il Comune di Cuneo per sensibilizzare le famiglie e i ragazzi sulle “buone prassi” da adottare in campo alimentare. 

Con una formula grafica efficace e strumenti di apprendimento divertenti, il volume continue alcune informazioni importanti per una sana alimentazione.

Torna a inizio pagina


 

2.3 Entro il 2030, raddoppiare la produttività agricola e il reddito dei produttori di alimenti su piccola scala, in particolare le donne, le popolazioni indigene, le famiglie di agricoltori, pastori e pescatori, anche attraverso l’accesso sicuro e giusto alla terra, ad altre risorse e stimoli produttivi, alla conoscenza, ai servizi finanziari, ai mercati e alle opportunità creare che creino valore aggiunto e occupazione non agricola

Corso “CULTURA E COLTURA DEL VERDE”: il progetto, nato da circa 30 anni, prevede la realizzazione di un corso di Orto Floro Frutticoltura per la divulgazione ai cittadini interessati dei rudimenti e delle tecniche idonee per svolgere a livello hobbistico l’attività agricola e di giardinaggio in senso più generale. Si prevedono 12 lezioni che forniscono oltre alle tecniche di base, anche informazioni sulle nuove tendenze relative all’orto-floro-frutti coltura, più attente al rispetto dell’ambiente, della salubrità alimentare e delle nuove normative sull’uso in sicurezza dei prodotti per la cura e nutrizione delle piante.

Torna a inizio pagina


 

2.4 Entro il 2030, garantire sistemi di produzione alimentare sostenibili e applicare pratiche agricole resilienti che aumentino la produttività e la produzione, che aiutino a conservare gli ecosistemi, che rafforzino la capacità di adattamento ai cambiamenti climatici, alle condizioni meteorologiche estreme, alla siccità, alle inondazioni e agli altri disastri, e che migliorino progressivamente il terreno e la qualità del suolo

Nell’ottica di garantire sistemi di produzione alimentare sostenibili e sostenere pratiche agricole che aumentino la produttività e la produzione di carattere biologico, il Comune di Cuneo sta operando su due fronti:

  • valorizzare e sostenere le filiere corte e gli esercizi commerciali di prossimità: entrambi possono essere una grande risorsa, favorendo l’agricoltura di prossimità con i benefici di carattere sociale, ambientale ed economico che questo può comportare.
  • promuovere in maniera convinta le opportunità che, in termini di crescita economica e sociale e di rispetto ambientale, possono derivare dall’attuazione dei principi dell'economia circolare e della produzione bio.

In questo contesto, negli ultimi anni a Cuneo sono nati 2 mercati contadini, i cosiddetti “Farmer’s Market”: uno gestito della Coldiretti (Agrimercato – “Campagna Amica”), ubicato presso Piazza della Costituzione. Il mercato si svolge con cadenza settimanale dal 2011, nella giornata del sabato.

L’altro Farmer’s Market, denominato “MerCu”, è situato nel Quartiere San Paolo, in Piazza G. Biancani, a seguito di una prima fase sperimentale, ha riscosso un buon successo ed è attualmente in fase di definitivo consolidamento.

  • Mercato in Corso Giolitti
  • Logo Green Education
  • Logo Imprese Rurali

Proprio nell’ottica di incentivare e sostenere ulteriormente le filiere corte e l’agricoltura di prossimità, il Settore Attività Produttive ha accellerato la costituzione di un terzo Farmer Market, denominato Gio.B.I.A. – Giolitti Bancarelle Imprenditori Agricoli per la vendita diretta di prodotti agricoli in Corso Giolitti, nel tratto compreso tra Via Antonio Bassignano e Piazzale della Libertà promosso dal Comitato di Quartiere Cuneo Centro, la Confederazione Italiana Agricoltori (CIA) e la Cooperativa Sociale S. Paolo.

L’istituzione dei farmer’s markets contribuisce, in particolare, alla:

  • promozione e la valorizzazione delle produzioni locali, sia dei territori urbani e periurbani sia di quelli di montagna, con attenzione alla qualità, alla prossimità, al valore etico e sociale;
  • incremento della fiducia nelle “filiere corte”, nei sistemi di scambio completi, capaci di trasmettere “il sapore del prodotto”, “la cultura di un territorio” ed il “valore di una comunità”;
  • l’importanza della diffusione di principi come l’agricoltura organica, la stagionalità dei prodotti, la consociazione e la biodiversità, la nutrizione consapevole, l’agricivismo e l’agroecologia;
  • l’interesse per una economia “alternativa”, senza sfruttamento del lavoro e dell’ambiente, dove la comunità è artefice di processi di sviluppo sostenibile ed egualitario.

Sul fronte dei modelli sostenibili di produzione alimentare e di consumo sostenibile risulta strategico formare competenze innovative per qualificare e riqualificare i lavoratori verso la produzione sostenibile (Green Economy); sostenere e rafforzare gli interventi di “alternanza scuola lavoro” che consentano la trasmissione di competenze nei diversi settori produttivi (Green Education). In questo contesto, il Comune di Cuneo ha scelto di aderire a due importanti iniziative regionali:

  • la sottoscrizione del Protocollo di Intesa “La Regione Piemonte per la Green Education”, per la costruzione di una rete tra i sistemi istituzionale, educativo, formativo, produttivo, della ricerca e del terzo settore. La finalità del Protocollo è quella di favorire il processo di cambiamento culturale e di competenze delle nuove generazioni verso i principi della green economy o circular economy
  • adesione al Progetto Imprese Rur@li – Giovani imprenditori e sviluppo rurale sostenibile” finanziato nell’ambito del Piano di Sviluppo Rurale, per la promozione dello sviluppo sostenibile nei territori rurali piemontesi mediante la valorizzazione dei saperi e delle buone pratiche in materia di green economy applicata al comparto agricolo. Il Comune di Cuneo fungerà da partner attuativo del progetto a livello locale, con particolare riferimento al territorio montano, con azioni volte a individuare e valorizzare modelli di imprenditorialità giovanile sostenibili e attivare un premio per le scuole superiori.

In particolare nell’ambito del progetto si prevede di coinvolgere il mondo della scuola e della formazione professionale per l’organizzazione ed erogazione di un Premio per studenti finalizzato a favorire la sensibilizzazione dei giovani e la diffusione dei modelli di sostenibilità e insieme ad I.R.E.S. verrà pubblicato un Quaderno sull’imprenditorialità giovanile per lo sviluppo rurale sostenibile.

  • Evento "Stati generali mondo lavoro dell'Agrifood
  • Locandina degli eventi: "innovazione, filiere, alimentazione, turismo e sostenibilità"

“STATI GENERALI MONDO LAVORO DELL’AGRIFOOD”

Ad ottobre 2020 con il Patrocinio del Comune di Cuneo, si sono tenuti a Cuneo gli Stati Generali del mondo lavoro Agrifood, organizzato da B-INIZIATIVE S.R.L. per parlare di lavoro nella filiera agroalimentare, di come crearlo, gestirlo, valorizzarlo. 

Attraverso tre giorni di eventi, l’obiettivo è stato quello di richiamare in città tutte le energie e i principali attori del mondo del lavoro dell’agricoltura e dell’alimentazione per condividere le prospettive e collaborare insieme alle soluzioni per il futuro sui principali punti cardine: innovazione, filiere, alimentazione, turismo e sostenibilità.

Si è dato spazio ai giovani con due bootcamp: uno per gli studenti degli istituti superiori e uno per quelli universitari dedicato alla digital transformation e alla blockchain e si sono affrontati i temi dell’agricoltura 4.0 (Intelligenza artificiale e modelli innovativi in agricoltura) della sostenibilità, l’impatto sociale e certificazione B-corp, nonché di agriturismi, sostenibilità ambientale e occupazione, con il seguente programma:

  • Hackathon - Hack&Food: blockchain, smart AgriFood, lavori del futuro | Smart&Hack | Internet of Food: soluzioni innovative per il settore agroalimentare.
  • HR Meeting  Welfare e Labour Innovation, la trasformazione del lavoro e la sua Sicurezza - La trasformazione dei lavori e la normativa di riferimento. Opportunità, rischi e la Sicurezza sul lavoro.
  • Tradizione e innovazione: nuovi strumenti e nuove professioni nel settore Agrifood - Milena Viassone - Campus di Management, Licia Cianfriglia – ANP, Giuliana Cirio - Confindustria Cuneo, Giovanna Gorini – Anpal, Alessia Scarpa – Risorse, Silvia Marengo – PaneAlba, Conduce: Giandomenico Genta - Fondazione CRC.
  • Job Meeting - Non solo un evento di incontro e matching tra domanda e offerta, bensì un progetto integrato al servizio di aziende, candidati, università, istituti scolastici e istituzioni.
  • Turismo e Agri-turismo: occupazione e territorio - le opportunità occupazionali e le infrastrutture del turismo e dell’agri-turismo. Il consumo del territorio.
  • Innovazione & Alimentazione: il futuro del cibo - l’alimentazione del futuro: sostenibilità, nuovi cibi, la cultura dell’alimentazione.
  • Le filiere produttive - dalla produzione al consumo, le filiere produttive, la distribuzione e la qualità: prospettive di occupazione tra tecnologia e sfide culturali.
  • Sostenibilità, impatto sociale e certificazione B Corp - il futuro dell’agricoltura: le prospettive del lungo periodo , ridefinire un nuovo paradigma di business adeguato ai nostri tempi, concreto e replicabile lavorando in maniera responsabile, sostenibile e trasparente e perseguendo uno scopo più alto del solo guadagno.

Torna a inizio pagina


 

2.5 Entro il 2020, assicurare la diversità genetica di semi, piante coltivate e animali da allevamento e domestici e le loro specie selvatiche affini, anche attraverso banche del seme e delle piante gestite e diversificate a livello nazionale, regionale e internazionale, e promuovere l'accesso e la giusta ed equa condivisione dei benefici derivanti dall'utilizzo delle risorse genetiche e delle conoscenze tradizionali collegate, come concordato a livello internazionale

Si ritiene che il Target 2.5 non rientri nelle politiche di competenza dell’ente locale, in ogni caso non sono state rilevate iniziative specifiche in merito.

Torna a inizio pagina


 

2.a Aumentare gli investimenti, anche attraverso una cooperazione internazionale rafforzata, in infrastrutture rurali, servizi di ricerca e di divulgazione agricola, nello sviluppo tecnologico e nelle banche genetiche di piante e bestiame, al fine di migliorare la capacità produttiva agricola nei Paesi in via di sviluppo, in particolare nei Paesi meno sviluppati

Non sono state rilevate iniziative specifiche relative al Target  2.a

Torna a inizio pagina


 

2.b Correggere e prevenire restrizioni commerciali e distorsioni nei mercati agricoli mondiali, anche attraverso l'eliminazione parallela di tutte le forme di sovvenzioni alle esportazioni agricole e tutte le misure di esportazione con effetto equivalente, conformemente al mandato del “Doha Development Round”

Non sono state rilevate iniziative specifiche relative al Target 2.b

Torna a inizio pagina


 

2.c Adottare misure per garantire il corretto funzionamento dei mercati delle materie prime alimentari e dei loro derivati e facilitare l'accesso tempestivo alle informazioni di mercato, anche per quanto riguarda le riserve di cibo, al fine di contribuire a limitare l’estrema volatilità dei prezzi alimentari

Non sono state rilevate iniziative specifiche relative al Target 2.c

Torna a inizio pagina


 

PRIMO PIANO | Tutte le news

RSS
26.03.2021 - Pianificazione territoriale e strategica

ROAD TO #CUNEO2030 - Al via la nuova rassegna .in.onda.azione.sostenibile.

Al via dal 26 marzo...

24.02.2021 - Europe Direct, Sportello Europa, Pianificazione territoriale e strategica

Programma innovativo nazionale per la qualità dell'abitare - Avviso esplorativo per l’individuazione di soggetti interessati alla costituzione di partenariati

Il Comune di Cuneo intende...

20.01.2021 - Parco Fluviale, Pianificazione territoriale e strategica

Corsi di formazione gratuiti su sviluppo sostenibile e outdoor education

Anche per l’anno scolastico 2020-2021...

24.11.2020 - Lavori Pubblici, Pianificazione territoriale e strategica

Procede il progetto per la realizzazione della nuova facciata “green” alla Scuola di Madonna dell’Olmo

Il progetto per la nuova facciata...

16.10.2020 - Stampa e Comunicazione, Pianificazione territoriale e strategica

Il Comune di Cuneo ha aderito all’Uncem, l’Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani

Sabato 17 ottobre il Sindaco di Cuneo...

06.10.2020 - Europe Direct, Pianificazione territoriale e strategica

GREAT INNOVA: #Beyond. Il potere dei valori

Sostenibilità ambientale, sociale ed...

24.09.2020 - Pianificazione territoriale e strategica

A Cuneo arriva il Concorso KIT di Imprese Rur@li, per proporre la tua “impresa ideale” in ambito sostenibile

CONCORSO-KIT PER SCUOLE E AGENZIE DI...