Menu di scelta rapida
Sei in: Home / Ambiente, Mobilità e Protezione Civile / News / Dettaglio

News

Link alla versione stampabile della pagina corrente
Posticipata al 30 gennaio 2023 la rimozione dei contenitori per rifiuti in piazza Boves

22.11.2022 - Ambiente

Posticipata al 30 gennaio 2023 la rimozione dei contenitori per rifiuti in piazza Boves

Il prossimo 1 dicembre, a causa dei continui abbondoni di rifiuti a terra, era prevista la rimozione dei contenitori per rifiuti in piazza Boves, con passaggio delle utenze interessate al sistema del porta a porta.
Pur condividendo la scelta, il Comitato di Quartiere ha espresso delle perplessità sulle tempistiche, chiedendo maggiore tempo per comunicare e condividere la decisione con i residenti e le attività commerciali presenti nella zona.
Nella giornata di venerdì 18 novembre l’Assessore all’Ambiente Gianfranco Demichelis, congiuntamente con la dott.ssa Testa del CEC (la ditta incaricata della raccolta), ha quindi deciso di convocare due rappresentanti del Comitato, il Presidente Carluzzo ed il Vice Femminò, assieme a Roberto Ricchiardi, titolare di negozi di abbigliamento nel centro storico e presidente provinciale di FederModa (sindacato di settore in Confcommercio), ed a Valerio Romana, presidente di zona di Confartigianato, per affrontare  la questione e definire una linea di azione condivisa.
Durante l’incontro è stato quindi stabilito di posticipare la rimozione dei contenitori rifiuti di piazza Boves al 30 gennaio 2023, in modo da consentire una più ampia comunicazione ed evitare di apportare un cambiamento impattante sulle abitudini del quartiere durante la festività natalizie. A tal proposito, è già stato calendarizzato un incontro pubblico con i residenti, in programma lunedì 9 gennaio, per spiegare le nuove modalità di conferimento dei rifiuti.

«Quotidianamente – dichiara l’Assessore all’Ambiente Gianfranco Demichelis – riceviamo segnalazioni sull’utilizzo non conforme dei cassonetti in piazza Boves, con immagini di rifiuti abbandonati a fianco dei cassonetti. È una situazione non più sostenibile, soprattutto perché parliamo di un’area centrale, subito dietro a piazza Galimberti, il salotto della città. Noi eravamo pronti a partire con l’eliminazione dei cassonetti già il 1 dicembre, ma il Comitato di Quartiere, pur condividendo la scelta, ci ha chiesto di prorogare la scadenza, in modo da avere un po’ di tempo per far passare il messaggio e dare la possibilità di organizzarsi. Chiaramente come Amministrazione ci è sembrato corretto assecondare le richieste del comitato, posticipando la rimozione dei cassonetti al 30 gennaio del prossimo anno. Ci tengo però a precisare che, fin dall’inizio, c’era l’intenzione di attivare il “porta a porta” anche nel centro storico, così come nel resto del territorio comunale. Quindi questo in realtà è solamente il passaggio finale di un percorso già avviato e con intenti chiari, che serve a uniformare la raccolta dei rifiuti su tutto l’ambito cittadino. L’idea è di procedere in modo graduale per tutto il 2023, partendo dall’area più critica, appunto piazza Boves, per poi rimuovere zona per zona tutti i cassonetti del centro storico

«Ringrazio l’Assessore Demichelis ed il CEC – dichiara il Presidente del Comitato di Quartiere Centro Storico Pietro Carluzzo  - per la disponibilità dimostrata e per esserci venuti incontro su una tematica così delicata. Come Comitato condividiamo in toto la necessità del passaggio al porta a porta, ma riteniamo che sia un’operazione da attuare con un processo graduale, fatto di informazione e sensibilizzazione verso residenti e commercianti, ovvero quelli che saranno interessati dal cambiamento. Per questo abbiamo chiesto di avere un po’ più di tempo a disposizione per comunicare bene le ragioni della modifica. In questo senso li ringrazio anche per la disponibilità già data ad essere presenti all’incontro informativo che abbiamo programmato a gennaio. Questo incontro ha dimostrato ancora una volta l’importanza del dialogo tra Amministrazione e comitati, permettendo un proficuo scambio di informazioni e confronto su visioni diverse