Menu di scelta rapida
Sei in: Home / Ambiente, Mobilità e Protezione Civile / Ambiente / Aria / Metano e GPL

Metano e GPL

Link alla versione stampabile della pagina corrente
GPL e metano

Tornano gli incentivi per trasformare i veicoli a metano o a GPL

Tornano gli ecoincentivi statali per la trasformazione degli autoveicoli con alimentazione a benzina e diesel in veicoli a metano e GPL. Tale possibilità riguarda i cittadini residenti nei 674 comuni che hanno aderito a suo tempo all’iniziativa ICBI (Iniziativa Sviluppo dei Carburanti a Basso Impatto Ambientale) lanciata dal Ministero dell’Ambiente e che vede il comune di Parma come capofila. Il Comune di Cuneo, che aveva aderito nell’anno 2001 all’iniziativa suddetta, ha quindi permesso nel corso degli anni a decine e decine di cittadini di convertire il proprio veicolo, con gli ovvi benefici ambientali che ne derivano.

Per l’anno 2017 lo Stato ha stanziato ulteriori 1.807.500 € di eco-incentivi, nell’ambito del progetto ICBI menzionato, suddivisi secondo le seguenti tipologie:

  • incentivo di 500 € (350 € a carico del fondo ICBI e 150 € a carico dell’officina richiedente) per l’installazione di impianti GPL su automezzi privati Euro 3 - 4 alimentati a benzina;
  • incentivo di 650 € (500 € a carico del fondo ICBI e 150 € a carico dell’officina richiedente) per l’installazione di impianti a metano su automezzi privati Euro 3 - 4 alimentati a benzina;
  • incentivo di 750 € per l’installazione di impianti GPL su veicoli commerciali Euro 2 - 3 - 4 - 5;
  • incentivo di 750 € per l’installazione di impianti GPL su veicoli commerciali con alimentazione diesel;
  • incentivo di 1.000 € per l’installazione di impianti a metano su veicoli commerciali Euro 2 - 3 - 4 - 5;
  • incentivo di 1.000 € per l’installazione di impianti a metano su veicoli commerciali con alimentazione diesel.

Per usufruire dell’incentivo i cittadini, o le imprese, con residenza nei comuni aderenti devono prenotare la trasformazione a GPL o metano presso un’officina aderente all’iniziativa. Sarà l’officina stessa, dopo aver verificato che veicolo ed intestatario della carta di circolazione siano in possesso dei requisiti necessari, a prenotare via internet il contributo tramite la procedura messa a disposizione sul sito del Consorzio Ecogas (www.ecogas.it).

L’automobilista fruisce dell’incentivo tramite uno sconto riportato direttamente in fattura, sarà poi il comune capofila ad effettuare i rimborsi alle autofficine.

La documentazione da esibire per ottenere l’incentivo è la seguente: copia della carta di circolazione comprovante la proprietà, la targa del veicolo e la classe ambientale di omologazione CE, copia del documento d’identità comprovante la residenza in uno dei comuni aderenti all’iniziativa, la dichiarazione sostitutiva di certificazione e dell’atto di notorietà.

I fondi saranno disponibili fino ad esaurimento.

Ulteriori informazioni, con anche l’elenco dei comuni aderenti, sono disponibili sul sito www.ecogas.it.

PRIMO PIANO | Tutte le news

RSS
14.06.2021 - Ambiente e Mobilità, Parco Fluviale

Un inizio d’estate a piedi nudi col Parco fluviale

Un inizio d’estate in punta di piedi…...

01.06.2021 - Ambiente

Aperto il nuovo Centro del Riuso a Cuneo

È attivo dal 31 maggio a Cuneo, in Via...

31.05.2021 - Trasporti, Ambiente e Mobilità

Chiusura ascensore inclinato per lavori di manutenzione

da martedì 8 giugno alle 17.30 e sino a...

27.05.2021 - Ambiente e Mobilità, Trasporti, Biciclette

Zona 30 del Quartiere San Paolo – Cuneo2

In attuazione dei piani della mobilità...

27.05.2021 - Ambiente e Mobilità, Parco Fluviale

“Aspettando l’estate” al Parco fluviale

In attesa dell’uscita del calendario...