Menu di scelta rapida

Caratteristiche elettrosmog

Link alla versione stampabile della pagina corrente

Quando si parla di elettrosmog, si intende quella forma di inquinamento, percettibile a livello sensoriale (a differenza di altri tipi di inquinamento quale quello acustico o atmosferico), derivante da sorgenti che generano energia sotto forma di campi elettrici, magnetici o elettromagnetici. Sulla terra è da sempre presente un fondo elettromagnetico naturale le cui sorgenti principali sono la terra, l'atmosfera e il sole. A questo naturale livello di fondo si sono aggiunti, in conseguenza del progresso tecnologico, altri campi elettromagnetici di origine antropica, prodotti cioè da impianti ed apparecchi costruiti dall'uomo. I campi elettromagnetici si propagano come onde che si differenziano sulla base della frequenza (misurata in Hz). Più alta è la frequenza, maggiore è l'energia che l'onda trasporta. L'insieme di tutte le possibili onde elettromagnetiche, al variare della frequenza, viene chiamato spettro elettromagnetico.

Schema delle frequenze dell'elettro smog

Quando si parla di elettrosmog, si fa riferimento alle radiazioni con frequenza compresa tra 0 Hz e 300 GHz.

L'esposizione ad un campo elettromagnetico può dare luogo a due tipi ben distinti di effetti sanitari: effetti a breve termine ed effetti a lungo termine.

I primi sono associati ad un danno immediato, dovuti a livelli di esposizione solitamente elevati, mentre i secondi sono quelli dovuti ad esposizioni molto prolungate nel tempo, che possono dar luogo ad alterazioni della funzionalità cellulare. Questi ultimi sono spesso correlati a livelli di esposizioni molto bassi, confrontabili a volte con il fondo ambientale. 

PRIMO PIANO | Tutte le news

RSS
21.02.2024 - Protezione Civile - Difesa del suolo

Acda: l'acqua dell'acquedotto di Cuneo è pulita e potabile

Le analisi condotte dopo l'emergenza di...

20.02.2024 - Protezione Civile - Difesa del suolo

Intervento di riparazione terminato. L’acqua è stata ripristinata su tutta la rete

È terminato nella notte l’intervento di...

20.02.2024 - Protezione Civile - Difesa del suolo

Intervento di riparazione terminato, acquedotto a regime nella notte

L'aggiornamento ACDA delle 22.30