Menu di scelta rapida
Sei in: Home / Ambiente, Mobilità e Protezione Civile / Ambiente / Aria / Caratteristiche amianto

Caratteristiche amianto

Link alla versione stampabile della pagina corrente

Caratteristiche amianto

Il problema della presenza di manufatti contenenti amianto è ben noto a tutta la popolazione, soprattutto alla luce delle vicende che negli anni hanno interessato gli organi di stampa, quale la cava di Balangero e soprattutto la vicenda della fabbrica «Eternit» di Casale Monferrato. L’Amministrazione comunale si è sempre dimostrata sensibile alla problematica, alla luce della normativa vigente e nell’ottica di gestire al meglio la questione, senza creare allarmismi non necessari. Inoltre gli uffici comunali preposti, l’ARPA – Dipartimento Provinciale di Cuneo e l’ASL CN1 hanno sempre fornito le informazioni richieste sull’argomento dai cittadini, cercando di porre soluzioni sulla problematica sollevata.

L'amianto è un materiale molto comune presente in natura. La sua resistenza al calore e la sua struttura fibrosa lo rendono adatto come materiale a prova di fuoco, ma la sua ormai accertata nocività per la salute ha portato a vietarne l'uso in molti Paesi.

L'amianto è stato utilizzato fino agli anni ottanta per produrre la miscela cemento-amianto (il cui nome commerciale era Eternit) per la coibentazione di edifici, tetti, navi, treni, come materiale per l'edilizia (tegole, pavimenti, tubazioni, vernici, canne fumarie), nelle tute dei vigili del fuoco, nelle auto (vernici, parti meccaniche), ma anche per la fabbricazione di corde, plastica e cartoni.

Per la normativa italiana sotto il nome di amianto sono compresi i seguenti composti:

  • Crisotilo (amianto di Serpentino Amosite, Crocidolite, Tremolite, Antofillite)
  • Actinolite (amianti di Anfibolo).

Non sempre l'amianto è pericoloso: lo è quando può disperdere le sue fibre nell'ambiente circostante per effetto di qualsiasi tipo di sollecitazione meccanica, eolica, da stress termico, dilavamento di acqua piovana. Per questa ragione il cosiddetto amianto friabile, che cioè si può ridurre il polvere con la semplice azione manuale, è considerato più pericoloso dell'amianto compatto, che per sua natura ha una scarsa o scarsissima tendenza a liberare fibre.

Si sottolinea inoltre che, ai sensi dell’art. 2 del DM 06/09/1994 “Normative e metodologie tecniche di applicazione dell'art. 6, comma 3, e dell'art. 12, comma 2, della legge 27 marzo 1992, n. 257, relativa alla cessazione dell'impiego dell'amianto”, la presenza di materiali contenenti amianto in un edificio non comporta di per sé un pericolo per la salute degli occupanti. Se il materiale è in buone condizioni e non viene manomesso, è estremamente improbabile che esista un pericolo apprezzabile di rilascio di fibre di amianto. Se invece il materiale viene danneggiato per interventi di manutenzione o per vandalismo, si verifica un rilascio di fibre che costituisce un rischio potenziale.

PRIMO PIANO | Tutte le news

RSS
17.01.2022 - Ambiente e Mobilità, Parco Fluviale

Gli appuntamenti di Change e Inverno al Parco per un 2022 più sostenibile

Il Parco fluviale Gesso e Stura propone...

14.01.2022 - Stampa e Comunicazione, Protezione Civile - Difesa del suolo

Covid-19. Informazioni utili per affrontare la pandemia

La situazione pandemica purtroppo...

12.01.2022 - Ambiente

Raccolta Porta a porta - ritardi a causa Covid

Il Consorzio Ecologico Cuneese informa...

09.01.2022 - Trasporti, Socio Educativo

Trasporto pubblico scolastico. Nuove regole in vigore dal 10 gennaio

Si comunica che, sulla base...

07.01.2022 - Informagiovani, Parco Fluviale, Cultura

Servizio civile universale Ambiente e cultura

Scadenza 26 gennaio 2022.