Menu di scelta rapida

Matrimonio

Link alla versione stampabile della pagina corrente

PUBBLICAZIONI DI MATRIMONIO

Per contrarre matrimonio, sia con rito civile che con rito religioso,  è necessario presentare richiesta per le pubblicazioni.
Le pubblicazioni devono rimanere esposte per 8 giorni consecutivi, decorrenti dal giorno successivo alla sottoscrizione del verbale, nell’apposito spazio ad uso esclusivo delle pubblicazioni di matrimonio.
Ai fini di pubblicità legale, le pubblicazioni di matrimonio sono esposte nella pagina web Pubblicazioni di matrimonio on line.
Dal 1^ gennaio 2012 la funzione di pubblicità legale è svolta esclusivamente dalla pubblicazione on-line.
Il matrimonio  potrà  essere celebrato a decorrere dal 4° giorno successivo alla scadenza delle pubblicazioni e non oltre 180 giorni da tale data.

Si precisa che:

  • i futuri sposi devono essere maggiorenni (se minorenni devono essere autorizzati dal Tribunale per i Minorenni)
  • almeno uno dei due deve essere residente nel Comune di Cuneo
  • devono presentarsi muniti di codice fiscale


Le pubblicazioni vengono effettuate su appuntamento preventivamente concordato con l’Ufficio di Stato Civile. Nel caso gli sposi o uno di essi non sia a conoscenza della lingua italiana occorre l'intervento dell'interprete.
L’atto di affissione è da redigere in bollo.

Costo per le pubblicazioni:
€ 16.00 nel caso in cui gli sposi siano entrambi residenti in Cuneo
€ 32.00 nel caso in cui uno degli sposi sia residente in altro Comune

 

L’appuntamento per le Pubblicazioni può essere richiesto:

I cittadini stranieri dovranno inoltre allegare copia del Nulla Osta al Matrimonio rilasciato dal Consolato o Ambasciata del proprio Stato in Italia (o certificato di Capacità al matrimonio per i cittadini dei Paesi aderenti alla Convenzione di Monaco, 5/9/1980 - Austria, Germania, Grecia, Lussemburgo, Moldavia, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna, Svizzera, Turchia) e copia del passaporto.

Tutta la documentazione inoltrata tramite pec, dovrà essere presentata - in originale - il giorno fissato per la pubblicazione di matrimonio presso l’Ufficio di Stato Civile, il quale provvederà d’ufficio a richiedere le certificazioni necessarie ai Comuni di competenza.

Considerata la complessità della pratica si consiglia di presentare la richiesta delle modalità suddette all'Ufficio di Stato civile con congruo anticipo rispetto alla data prevista per la celebrazione del matrimonio. 

 

MATRIMONIO CIVILE

I matrimoni civili sono celebrati nella Casa Comunale dal Sindaco o da un suo delegato alla presenza di due testimoni.

Costo dell’utilizzo delle sale per la celebrazione del matrimonio, per i nubendi non residenti nel Comune di Cuneo visionabile al link http://www.comune.cuneo.it/fileadmin/comune_cuneo/content/amm_organiz/cultura/moduli_regolamenti/concessione_sale/Tariffe_Concessione_Sale_2019.pdf

La richiesta relativa alla scelta della data, della sala e degli orari per la celebrazione del matrimonio/unione civile potrà essere depositata all'atto di richiesta di pubblicazione del matrimonio, salvo diverso accordo con l’Ufficio stesso. Qualora queste non pervengano nei termini e nei modi stabiliti dalla legge, non si potrà procedere alla celebrazione e la prenotazione decadrà automaticamente.

Nel caso il matrimonio/unione civile avvenga su delega di un altro comune, gli sposi/contraenti dovranno inoltrare preventiva richiesta di disponibilità alla celebrazione, indicando la data e l’ora scelta all’Ufficiale di Stato Civile con anticipo di almeno 30 giorni. L’ufficio provvederà a dare conferma della prenotazione dalla sala entro il termine di trenta giorni dalla richiesta.

Nel caso gli sposi o uno di essi non sia a conoscenza della lingua italiana occorre l’intervento dell’interprete.

Ci si può sposare anche in un Comune diverso da quello in cui si risiede esprimendo tale volontà all’Ufficiale dello Stato Civile per iscritto e indicando il Comune dove si intende contrarre matrimonio ed i motivi di tale scelta.

REGIME PATRIMONIALE

Contestualmente alla celebrazione del matrimonio, sia civile che religiosa, gli sposi dichiarano la scelta del regime patrimoniale. Tale scelta potrà essere successivamente modificata con atto notarile  annotato sull’atto di matrimonio su richiesta del Notaio.

PRIMO PIANO | Tutte le news

RSS
09.09.2019 - Servizi al Cittadino e Affari Legali, Stato Civile

Chiusura temporanea Ufficio di Stato Civile

Lunedì 16 settembre

02.09.2019 - Elettorale

Censimento permanente della popolazione e delle abitazioni

Il 1° ottobre 2019 parte la seconda...

16.05.2019 - Anagrafe

Carta d'identità elettronica

La prenotazione è la via preferenziale...