Menu di scelta rapida
Sei in: Home / Polizia Municipale / Ordinanze / Ordinanza di modifica della viabilità del centro storico e di regolamentazione dell’accesso, transito, sosta e di disciplina:delle Aree Pedonali Urbane (A.P.U.) e Zona a Traffico Limitato (Z.T.L.) del centro storico;

Ordinanza di modifica della viabilità del centro storico e di regolamentazione dell’accesso, transito, sosta e di disciplina:delle Aree Pedonali Urbane (A.P.U.) e Zona a Traffico Limitato (Z.T.L.) del centro storico;

Link alla versione stampabile della pagina corrente

Ordinanza N. 350

IL COMANDANTE

Richiamate interamente le premesse e le motivazioni che hanno portato alla stesura dell’ordinanza n. 600/2016 del 21/07/2016 (RORD/598/2016), di cui il presente provvedimento costituisce un’integrazione (ed abrogazione relativamente alle sole parti eventualmente contrastanti con esso); ed in particolare:
premesso che tra gli obiettivi strategici dell’Amministrazione di Cuneo v’è quello di innalzare la qualità di vita del centro storico e di rafforzare, sempre più, la sua destinazione di centro commerciale naturale, di luogo della memoria e dell’arte, di riferimento culturale territoriale, oltre che luogo di rappresentanza, di servizi e di residenza;
Atteso che, a tal fine, il centro storico è stato oggetto di un importante piano di riqualificazione che ha già portato, tra l’altro, ad interventi significativi di ripavimentazione e rivitalizzazione di via Roma;
Rilevato che il centro storico, sempre più frequentemente, è oggetto di visite turistiche e che la riduzione della presenza di veicoli a motore ha avuto ricadute positive in termini di sicurezza, di tutela dell’ambiente, di migliore fruibilità del patrimonio culturale, storico ed artistico e migliore fruibilità del Centro commerciale naturale;
Rilevato che, per realizzare le finalità sopra enunciate, in sintonia con i dettami del codice della strada (in particolare con le finalità espresse nei principi generali dell’art. 1 c.d.s.: “1. La sicurezza delle persone, nella circolazione stradale, rientra tra le finalità primarie di ordine sociale ed economico perseguite dallo Stato. 2. La circolazione dei pedoni, dei veicoli e degli animali sulle strade è regolata dalle norme del presente codice e dai provvedimenti emanati in applicazione di esse, nel rispetto delle normative internazionali e comunitarie in materia. Le norme e i provvedimenti attuativi si ispirano al principio della sicurezza stradale, perseguendo gli obiettivi: di ridurre i costi economici, sociali ed ambientali derivanti dal traffico veicolare; di migliorare il livello di qualità della vita dei cittadini anche attraverso una razionale utilizzazione del territorio; di migliorare la fluidità della circolazione […]” ), sia opportuno procedere alla regolamentazione delle (Z.T.L.) zone a traffico limitato (in linea con gli esiti degli studi effettuati per la definizione del sistema della mobilità urbana e del P.G.T.U. approvato con il Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale, n. 19 del 10 aprile 2017), ed aree pedonali urbane (A.P.U.) istituite nel centro storico, dotate, agli accessi, di varchi elettronici capaci di selezionare, controllare e sanzionare i veicoli in transito, senza arrecare pregiudizio, ove possibile, alle aree di parcheggio limitrofe quali: p.zza Torino, p.zza Santa Croce, p.zza Foro Boario, p.zza Boves e p.zza Seminario;
Preso atto della modifica della precedente Z.T.L. del centro storico, nell’anno 2015, come da Delibera della Giunta Comunale n. 193 del 22 settembre;
Rilevato, altresì, che con Deliberazione n. 127 del 26.05.2016, la Giunta comunale ha approvato il “Progetto per l’affidamento del servizio di gestione dei parcheggi pubblici a pagamento in superficie e nella struttura sotterranea di piazza Boves”, predisposto dal Settore Ambiente e Territorio ai sensi dell’art. 23 del D.Lgs. 50/2016 «Attuazione delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE sull'aggiudicazione dei contratti di concessione, sugli appalti pubblici e sulle procedure d'appalto degli enti erogatori nei settori dell'acqua, dell'energia, dei trasporti e dei servizi postali, nonché per il riordino della disciplina vigente in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture”»;
Visto che il suddetto progetto ha previsto, tra l’altro, l’istituzione di nuove aree di sosta a pagamento, in parte insistenti anche nell’area Z.T.L., con facoltà dell’Amministrazione di avviare le stesse anche prima dell’avvio del nuovo affidamento del servizio sopra menzionato;
Preso atto di quanto delineato con Delibera della Giunta Comunale n. 137 del 9 giugno 2016;
Preso atto delle decisioni della Giunta Comunale circa la necessità dell’implementazione dei controlli mediante installazione di un nuovo varco in Contrada Mondovì, in prossimità con c.so Giovanni XXIII°, lo spostamento di un varco dall’attuale posizione di via Dronero a Via F.lli Vaschetto, angolo via Busca, con conseguente inversione del senso di marcia dell’accennata via F.lli Vaschetto; preso atto di tutte le modifiche richieste e resesi necessarie; preso atto che detti provvedimenti si prefiggono l’obiettivo di contenere ed impedire gli accessi non autorizzati da parte degli automobilisti per accedere al centro storico eludendo i divieti ed i controlli negli orari in cui vige la ZTL, nonché di regolare e razionalizzare i flussi veicolari rendendo più sicuro il centro storico;
Visti gli studi e gli esiti dei controlli della Z.T.L. e A.P.U. posti in essere dal personale della Polizia Locale, sia in orari di servizio ordinario, sia durante appositi servizi di controllo per le aree summenzionate, istituiti con turni serali\notturni;
Preso atto delle osservazioni formulate dai cittadini, dai rappresentanti dei comitati di quartiere del centro storico, dai commercianti, da tutte le tipologie di utenti e dagli “addetti ai lavori” (personale appartenente al Comando P.M., agli Uffici Tecnici, Settori Ambiente e U.R.P. etc.);
Atteso che il periodo intercorso, dall’istituzione della Z.T.L.\A.P.U. all’emanazione del presente atto, è servito, quale periodo sperimentale, ad affinare ed appianare ogni eventuale criticità o incongruenza e che l’Amministrazione Comunale, per il tramite degli Uffici preposti cui pervengono eventuali richieste\osservazioni degli utenti del centro storico, indice periodicamente apposite riunioni al fine di consentire un costante controllo e monitoraggio delle dinamiche inerenti la viabilità e di apportare eventuali correttivi;
Rilevato quanto emerso dalle numerose riunioni intavolate dai vari Settori coinvolti nella gestione della Z.T.L.|A.P.U. in presenza dell’Amministrazione;

VISTI

la D.G.C. n. 164 del 13 agosto 2014 istitutiva delle aree pedonali di via Dronero e di Vicolo IV Martiri;
la D.G.C. n. 34 del 2 luglio 2015 con la quale si dava avvio alle procedure di acquisto dei varchi di videosorveglianza per il controllo dell’accesso nelle Zone a Traffico Limitato del centro storico;
la D.G.C. n. 193 del 22 settembre 2015, relativa alle Zone a Traffico Limitato del centro storico;
la D.G.C. n. 90, di approvazione del Disciplinare per la regolamentazione dell’accesso nelle Z.T.L. e piano di sosta e transito, del 15 aprile 2016;
il contenuto e le linee guida del Disciplinare, di cui al punto precedente, inclusa la piantina allegata (parte integrante dell’atto de quo);
la D.G.C. n. 137 del 9 giugno 2016, con relativi allegati da intendersi quali parti integranti al presente provvedimento, per la disciplina dei parcheggi blu a pagamento;
la Decisione della G.C., approvata nella seduta del 30 giugno 2016, relativa all’A.P.U. ed alla regolamentazione della sosta invalidi e dei motocicli/ciclomotori nella Z.T.L. (cd. “laterali”), aggiornata agli ultimi incontri della Giunta del 7/7/2016;
l'Ordinanza n. 4 del 10 luglio 2007;
l’Ordinanza 623/2013;
l’Ordinanza n. 736 del 18 agosto 2014, istitutiva delle aree pedonali di via Dronero e di Vicolo IV Martiri, che rimane tuttora vigente e non abrogata dal presente provvedimento (salvo nelle eventuali parti che dovessero palesemente contrapporsi ad esso);
l’Ordinanza 975/2015;
l’Ordinanza n. 278 del 20 aprile 2016, sull’inversione dei sensi unici di marcia nel centro storico per l’attuazione dell’istituzione della Z.T.L.;
l’Ordinanza n. 280 del 4 maggio 2016;
i contenuti, le problematiche emerse e le strategie di intervento analizzate nell’ultimo “P.U.T. - P.G.T.U.”  adottato dal Comune di Cuneo (approvato con il Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale, n. 19 del 10 aprile 2017) e gli obiettivi tesi alla riduzione degli inquinamenti atmosferico e acustico, al risparmio energetico, al rispetto dei valori ambientali, al miglioramento della mobilità pedonale, al miglioramento delle condizioni di circolazione dei mezzi di trasporto pubblico, al miglioramento delle condizioni di circolazione e sosta dei veicoli, alla riduzione degli incidenti stradali, al miglioramento delle condizioni della sicurezza e della salute pubblica;
il Decreto di omologazione, rilasciato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, prot. n. 4684 del 3 ottobre 2014, relativo all'installazione ed all'esercizio di impianti per la rilevazione dell'accesso dei veicoli nelle Zone a Traffico Limitato del centro storico in corrispondenza dei varchi di accesso;
D. Lgs. n. 285 del 30 aprile 1992, “Nuovo Codice della Strada”, e ss.mm.ii.;
l’art. 45 del D. Lgs. n. 285 del 30 aprile 1992, “Nuovo Codice della Strada”, e ss.mm.ii.;
l’art. 192 del D.P.R. del 16 dicembre 1992, n. 495, Regolamento di esecuzione e di attuazione del Nuovo Codice della Strada, e ss.ms.ii.;
l’art. 17, comma 133-bis della legge 15 maggio 1997, n. 127;
il D.P.R. 22 GIUGNO 1999, n. 250, Regolamento recante norme per l’autorizzazione all’installazione di impianti per la rilevazione degli accessi dei veicoli ai centri storici e nelle zone a traffico limitato;
gli artt. 3, 5 e 7 del N. C.d.S., approvato con D. Lgs. 30.04.1992, n. 285, ed il suo Regolamento di Esecuzione e d'Attuazione, approvato con D.P.R. 16/12/1992, n. 495;
l'art. 107 del D. Lgs. 18.08.2000, n. 267 "T.U. delle leggi sull'ordinamento degli Enti Locali";
il Parere del M.I.T. prot. n. 5466 del 21 ottobre 2015, relativo a chiarimenti in merito al controllo degli accessi nelle aree pedonali mediante varchi elettronici;
i disposti della legge sulla cd. “Privacy” (Codice in materia di protezione dei dati personali, D.lgs 196/2003), nonché la normativa riguardante la videosorveglianza ed il sistema di sanzionamento mediante varchi di videosorveglianza;
il D.lgs. 267/2000, T.U.E.L.;
la l. 127/1997;
la l. 675 del 31 dicembre 1996 sulla tutela del trattamento dei dati personali;
viste, in tema di Z.T.L. e varchi di videosorveglianza, le massime desumibili da varie pronunce della Corte di Cassazione (tra le quali, ad es., Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza 7 luglio 2011 – 2 febbraio 2012, n. 1479;  Cass., sez. II, 25 febbraio 2011 n.4725 etc.);
la finalità della tutela della vita umana cui si subordina l’utilizzo, a scopo sanzionatorio, degli apparati di videosorveglianza debitamente autorizzati e la regolamentazione della A.P.U. e della Z.T.L.;
la documentazione agli atti;
l’Autorizzazione per l’esercizio di impianti per la rilevazione degli accessi alle Z.T.L. e A.P.U., rilasciata con prot. n. 4525 del 21.07.2016 dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti – Divisione Generale per la Sicurezza Stradale;
la Determina del Dirigente del Settore Elaborazione Dati-Att. Produttive-Affari Demografici n. 556 del 05/04/2017;
Vista la Deliberazione del Consiglio Comunale n. 72 del 19.12.2016 di approvazione del Bilancio di previsione 2017/2019;
Vista la Deliberazione delle Giunta Comunale n. 1 del 05.01.2017 di approvazione del Piano Esecutivo di Gestione anno 2017/2019;
L’Autorizzazione del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti – Divisione Generale per la Sicurezza Stradale per quanto contenuto nella presente ordinanza integrativa;
le recenti decisioni della Giunta Comunale;
Vista l’approvazione del Consiglio Comunale del Piano Generale del Traffico Urbano (P.G.T.U.), avvenuta con seduta n. 19 del 10 aprile 2017;

DATO ATTO

che il miglioramento e lo sviluppo del sistema della mobilità urbana del Comune di Cuneo risulta essere uno degli obiettivi che l’Amministrazione Comunale persegue al fine di dare risposte concrete, attente e qualificate ad uno dei temi molto sentiti dai cittadini, in sintonia con i principi generali espressi dall’art. 1 del codice della strada;
che un attento monitoraggio della mobilità del centro storico e delle conseguenze sulla viabilità connesse all’istituzione delle Z.T.L. ed A.P.U. sono state ricomprese nel recente studio per il riassetto del sistema della mobilità urbana del Comune di Cuneo (di cui la delibera istitutiva della ZTL ed APU del 2015 e, di conseguenza ed in via subordinata, la presente ordinanza costituiscono atto esecutivo delle linee di pianificazione della mobilità urbana), nonché nel PGTU di cui alla Delibera del Cons. Comunale, seduta n. 19 del 10 aprile 2017;
che l’istituzione nell’anno 2015, e la conseguente successiva entrata in vigore, della Z.T.L. ed A.P.U. nel centro storico ha costituito una fondamentale fase di sperimentazione e monitoraggio in grado di recepire eventuali criticità, lamentele e margini di modifica dell’assetto della viabilità e della sosta nel centro storico;
che la fase sperimentale, partita con l’entrata in vigore delle precedenti ordinanze n. 278/2016, n. 280/2016 e n. 410/2016 ha consentito di monitorare in concreto i flussi veicolari, le eventuali problematiche inerenti le inversioni di marcia e la sosta nel centro storico, nonché le conseguenze dell’istituzione della ZTL ed APU previste dal summenzionato studio del sistema della mobilità urbana, cosicché si sia resa possibile ogni eventuale modifica “sul campo” ed ogni eventuale pragmatico riscontro dell’oggetto contenuto nell’accennato studio della mobilità urbana e P.G.T.U.;
che l’Amministrazione, nello studio del riassetto del centro storico, ha tenuto in considerazione, in via preminente, gli effetti del traffico sulla sicurezza della circolazione, sulla salute, sull’ordine pubblico, sul patrimonio ambientale e culturale e sul territorio;
che gli innumerevoli incontri tra l’Amministrazione ed i maggiori rappresentanti delle varie categorie di utenti del centro storico (commercianti, rappresentanti del Comitato di Quartiere, residenti etc.) sono valsi a configurare un sistema di regole tese a salvaguardare, a tutela del diritto alla salute, alla salubrità ambientale e alla sicurezza degli utenti della strada e dell’interesse pubblico, l’interesse generale affinché le norme, assunte secondo modalità non discriminatorie tra gli operatori economici, in conformità ai principi di sussidiarietà, proporzionalità e leale cooperazione, fossero indirizzate a normare l’accesso ed il transito nelle diverse aree del centro storico;
che la presenza delle pattuglie della Polizia Locale, in servizio nel centro storico, sia in orario diurno sia serale/notturno, ha consentito di rilevare ogni eventuale osservazione finalizzata al miglioramento della viabilità verificando il rispetto delle finalità enunciate proprio dall’accennato studio della mobilità urbana e P.G.T.U.;
che rientra tra le competenze della Giunta Comunale esercitare i poteri relativi all’istituzione e delimitazione delle A.P.U. e Z.T.L. (facoltà introdotta per la prima volta con legge n. 122 del 1989 e precisata dall’art. 3 c.d.s.);

ORDINA

per i motivi in premessa indicati, ad integrazione dell’ordinanza n. 600/2016 del 21/07/2016 (RORD 598/2016) della quale vengono abrogate le parti eventualmente contrastanti con il presente provvedimento

che dal giorno 1 giugno 2017, comunque non  previa avvenuta ultimazione dell’apposizione della necessaria segnaletica verticale, orizzontale, dell’opportuno tracciamento di eventuali nuovi stalli di sosta nelle vie, piazze e vicoli sotto elencati, ubicati all'interno del centro storico, dell’opportuno spostamento ed installazione degli impianti di videosorveglianza per il controllo degli accessi, dell’opportuna inversione del senso di marcia delle vie a seguito elencate, siano adottati i seguenti provvedimenti  per la regolamentazione della  circolazione e della sosta dei veicoli:

  • ferme restando tutte le disposizioni contenute nella precedente ordinanza n. 600/2016 del 21/07/2016 (RORD 598/2016), di cui il presente atto costituisce un’integrazione;
  • l’istituzione del varco di videosorveglianza, con scopo sanzionatorio e di controllo, nell’A.P.U. di via Contrada Mondovì, in prossimità dell’intersezione con Lungogesso c.so Giovanni XXIII°, al fine di monitorare il flusso dei veicoli in accesso all’area pedonale;
  • l’inversione del senso di marcia di via F.lli Vaschetto da c.so J. F. Kennedy sino all’intersezione con via Saluzzo;l’inversione del senso di marcia del primo tratto di via Busca (lato valle) da via F.lli  Vaschetto, direzione monte, per una lunghezza di circa mt. 50 (sino fronte civico n. 3 circa di via Busca) nel perimetro del parcheggio di piazza S. Croce, con svolta all’uscita dalla piazza S. Croce (costeggiando, lato valle, il plesso degli Uffici della Regione Piemonte) con sbocco sul c.so J. F. Kennedy;
  • il contestuale ripristino dell’uscita di piazza S. Croce, su c.so J. F. Kennedy, sul lato subito a valle del plesso della Regione Piemonte di c.so Kennedy n. 7 bis;l’inversione del senso di marcia di via Dronero nel tratto compreso da via S. Croce e c.so J. F. Kennedy (con direzione verso l’accennato c.so J. F. Kennedy);
  • lo spostamento del varco n. 10, dall’attuale ubicazione nell’intersezione tra via Dronero e via Busca, alla nuova postazione individuata all’intersezione tra via Busca e via F.lli Vaschetto, per il controllo della Z.T.L.;
  • per i punti sopra vedasi planimetria allegata da considerarsi parte integrante della presente ordinanza. Detta planimetria aggiorna ed abroga la corrispondente planimetria allegata all’ord. n. 600/2016 del 21/07/2016;

RENDE NOTO

che l’entrata in vigore della presente ordinanza è previsto per il 1 giugno 2017 (previa avvenuta ultimazione dell’apposizione della necessaria segnaletica stradale, verticale ed orizzontale, prevista dal Regolamento di Attuazione del Codice della Strada);
che la presente ordinanza, a seguito del monitoraggio del contesto viabile del centro storico e del periodo sperimentale posto in essere nei mesi precedenti, integra (e abroga nelle parti eventualmente contrastanti con essa) l’ordinanza n. 600/2016 del 21/07/2016 (RORD 598/2016);
che l’utilizzo dei nuovi varchi di videosorveglianza istituiti, a fini sanzionatori, è subordinato all’Autorizzazione del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, dopo opportuno periodo di prova previsto dalla vigente normativa;
che la planimetria allegata alla presente ordinanza, comprese quelle incluse nella delibera di Giunta Comunale n. 137 del 9 giugno 2016 (ove non contrastanti con la presente planimetria), devono intendersi quale parte integrante della medesima;
che l’apposizione della segnaletica, a regola d’arte, è posta a carico della Ditta affidataria del servizio segnaletica, su controllo del Settore LL.PP., in base a quanto concordato nelle sedi opportune con gli Uffici del Comando P.M.;
che, come disposto nelle varie sedute di Giunta e delle relative Commissioni Cons., l’istituzione della A.P.U. e della Z.T.L. deve sempre intendersi in senso dinamico con la necessità e volontà degli organi summenzionati di monitorare la viabilità e le eventuali criticità del centro storico al fine, se necessario, di ottimizzare e modificare il contenuto degli indirizzi politico-amministrativi negli anni successivi tesa a migliorare le condizioni della circolazione e sicurezza stradale;

DISPONE

che il contenuto della presente ordinanza sia portato a conoscenza del pubblico mediante apposizione della prescritta segnaletica stradale, conforme a quanto disposto dal Titolo II del D.P.R. 16 dicembre 1992, n. 495 (Regolamento d'Esecuzione e d'Attuazione del Nuovo C.d.S.), e che del presente provvedimento sia data la più ampia forma di pubblicità, alla cittadinanza ed agli utenti della strada, attraverso la pubblicazione all’Albo Pretorio, nonché attraverso affissioni e sintetici comunicati stampa per la più ampia diffusione;
che copia della presente Ordinanza sia notificata al “118” (Servizio Sanitario di Urgenza ed Emergenza); al Comando VV.FF., alle FF.OO., alle Ditte di trasporto pubblico insistenti sul territorio, affinché siano opportunamente resi edotti dei precetti in essa contenuti.

AVVERTE

Che i contravventori ai dettami della presente ordinanza saranno puniti a norma di legge;
Che gli organi di polizia stradale, di cui all'art. 12 del Nuovo Codice della Strada ed a chi altro spetti, ciascuno per quanto di propria competenza, sono incaricati della verifica dell'osservanza della presente ordinanza ed all’eventuale conseguente applicazione delle relative sanzioni;
Ai sensi dell'art., 3, u. c., della Legge 241/1990 e s.mm.ii., si informa che, avverso il presente atto, può essere presentato ricorso, alternativamente, al TAR competente, ai sensi della L. 1034/1971 e successive modificazioni, o al Presidente della Repubblica, ai sensi dell'art. 8 del D.P.R. 24 novembre 1971, n. 1199, rispettivamente entro 60 (sessanta) giorni ed entro 120 (centoventi) giorni a decorrere dalla data di pubblicazione dell’ordinanza;
Ai sensi dell'art. 37, comma 3, del Nuovo C.d.S. (D.Lgs. 30/04/1992, n. 285) e dell'art. 74 del relativo Regolamento di Esecuzione e d'Attuazione (D.P.R. 16/12/1992, n. 495) entro 60 (sessanta) giorni dall'adozione del provvedimento che autorizza la collocazione della segnaletica, è ammesso ricorso al Ministero dei Trasporti;
A norma dell’art. 8 della L. 241/1990, si rende noto che responsabile del procedimento è il Comandante della Polizia Municipale, Dr. BERNARDI Davide Giulio;
Con l’emanazione del presente provvedimento per la Z.T.L. (e A.P.U.) sono abrogate tutte le precedenti ordinanze riguardanti la regolamentazione della circolazione nelle aree del centro storico (fatta salva Ord. n. 4 del 10.7.2007 e l’Ord. n. 600 del 21/07/2016 di cui il presente atto costituisce un’integrazione), nonché le precedenti norme che regolavano la materia relativa al rilascio dei permessi di accesso all’interno del centro storico;
La presente Ordinanza, emanata ai sensi dell’art. 7 del D.lgs. n. 285 del 30 aprile 1992 e del D.P.R. n. 495 del 16 dicembre 1992, entrerà in vigore con l’ultimazione dell’apposizione della relativa segnaletica stradale a carico del Settore Lavori Pubblici.

Dalla Residenza Comunale, 19 maggio 2017

IL COMANDANTE DI POLIZIA LOCALE
Dr. BERNARDI Davide Giulio

PRIMO PIANO | Tutte le news

RSS
06.12.2018 - Polizia Municipale

Area pedonale viale degli Angeli: orario Festività dell'Immacolata

Chiusura al transito veicolare dalle...

09.11.2018 - Polizia Municipale

Sospeso il servizio di pulizia strade con autospazzatrice

A partire dal 16 novembre 2018