Menu di scelta rapida
Sei in: Home / News / Dettaglio

News

Link alla versione stampabile della pagina corrente

05.06.2019 - Europe Direct

Dieci anni dopo la Carta dei Diritti Fondamentali dell'Unione Europea

Il 1 dicembre 2009 la Carta dei Diritti Fondamentali dell'Unione Europea divenne giuridicamente vincolante, con il compito di chiarire come l’Unione Europea si fondi sui valori indivisibili e universali della dignità umana, della libertà, dell'uguaglianza e della solidarietà. 

Secondo Frans Timmersans, Vice Presidente della Commissione Europea, la Carta dei Diritti rappresenta il contrafforte dell’Europa. Si tratta infatti del mezzo migliore affinché i cittadini vengano a conoscenza dei propri diritti e sappiano a chi rivolgersi nel caso questi vengano violati. 

Dal 2009, l’Unione Europea realizza ogni anno un report per monitorare i progressi nella diffusione della Carta. Secondo il commissario della Giustizia, dei Consumatori e della Parità di genere Věra Jourová, nel 2010 solo una persona su 10 era a conoscenza di questo documento. Questo fu il risultato di una mancanza di promozione da parte degli Stati. L’EU ha così iniziato a collaborare con i vari suoi componenti per rendere i cittadini più partecipi. Nel 2018 il numero è salito a quattro persone, ma non è sufficiente, tutti i cittadini dovrebbero essere a conoscenza dei propri diritti. Nel report di quell’anno l’UE ha anche rilasciato alcune nuove iniziative, come nuovi diritti legati alle elezioni e alle minacce di odio nelle conversazioni online. 

In occasione del decennale della Carta dei Diritti, invece, al report annuale verrà aggiunta un’indagine sull’Eurobarometro, al quale ogni cittadino potrà partecipare.

 

Condividi |  

Ultimi 7 giorni

Ricerca avanzata News