Menu di scelta rapida
Sei in: Home / News / Dettaglio

News

Link alla versione stampabile della pagina corrente

29.03.2019 - Europe Direct

Una settimana di importanti decisioni per l’UE

Questa settimana il Parlamento Europeo ha lavorato su numerosi argomenti, tra cui decidere sull’uso di plastica monouso, abbandonare il cambiamento dell’ora legale e approvare delle nuove direttive per i diritti d’autore su internet.

Martedì 26 marzo, gli eurodeputati hanno approvato la nuova legge per il diritto d’autore. Lo scopo è quello migliorare le possibilità dei possessori dei diritti, in particolare musicisti, esecutori, autori di sceneggiature e editori di notizie, per negoziare migliori accordi per l'utilizzo delle loro opere su Internet.

Nella stessa giornata del 26 marzo, è stata approvata una decisione che ha fatto seguito ad una iniziativa dei cittadini europei datata febbraio 2018, dove sono stati presentati studi che indicano gli effetti negativi che il cambiamento dell’ora legale ha sulla salute umana e la richiesta di eliminare questa tradizione. I deputati hanno quindi deciso di porre fine al alla pratica dell’ora legale dal 2021: i paesi membri dell’Unione Europea che intendono di mantenere l’ora standard (dell’estate) per tutto l’anno aggiusteranno per l’ultima volta le frecce dell’orologio nell’ultima domenica di marzo 2021.

Successivamente il 27 marzo, il Parlamento ha approvato in via definitiva la direttiva che vieta l’uso dei articoli di plastica monouso con nuovi obbiettivi di riciclaggio posti per la fine del 2021. Questa decisione mira a ridurre in modo considerevole le immondizie nelle nostre spiagge e i nostri mari, attualmente, infatti, i prodotti di plastica monouso costituiscono il 70% dei rifiuti marini. La maggior parte delle particelle di questi prodotti vengono ingeriti da pesci e in alcuni casi diventano anche delle trappole mortali per essi. Questa direttiva stabilisce che una parte del materiale utilizzato per produrre le bottiglie di plastica debba provenire dalla plastica riciclata in percentuali pari al 25% entro il 2025 e al 30% entro il 2030. L’accordo rafforza anche il principio “chi inquina paga”, introducendo una responsabilità estesa per i produttori.

Per saperne di più sulla direttiva sulla plastica clicca qui 

Per saperne di più sul cambiamento delle regole sull'ora legale clicca qui

Per saperne di più sulla legge sul copyright clicca qui

Condividi |  

Ultimi 7 giorni

Ricerca avanzata News