Menu di scelta rapida
Sei in: Home / Cultura / Palazzo Samone / La struttura architettonica

La struttura architettonica

Link alla versione stampabile della pagina corrente

Il Palazzo, più noto come quello del "Monte di Pietà", è stato costruito dall’architetto cuneese Pio Eula (1722-1801) per conto dei Bruno Conti di Samone.

Il nome del palazzo è legato al Conte Vittorio Bruno di Samone, autore del disegno del vecchio Ospedale di Santa Croce, e soprattutto al primo vescovo di Cuneo.

Il complesso edilizio, in mattoni a vista, ha carattere austero, tutto subalpino. Nel cortile trova collocazione un pozzo in pietra coperto da un baldacchino in legno curvato e rifinito con inusitata civetteria. È questo uno dei pochi pozzi cittadini rimasti nel corso degli anni. Di notevole profondità, in quanto arriva alla falda acquifera posta al livello dello Stura, era un pozzo comunitario che forniva l’acqua all’intero quartiere di San Francesco ed al vicino Ospedale di Santa Croce.

Il fabbricato, dopo essere stato per lunghissimo tempo di proprietà dei Bruno Conti di Samone ed in ultimo del Conte Boniforti De Morri di Castelmagno, fu acquistato nel 1882 dall’Amministrazione dell’ex Ospedale di Santa Croce allo scopo di alloggiarvi gli Uffici dell’Ospedale e quelli del Monte di Pietà con relativi magazzini dei pegni. Dopo la chiusura dell’attività del Monte dei Pegni, avvenuta negli anni ’80, il fabbricato è stato abbandonato ed è cominciato un lungo periodo di degrado che ha notevolmente compromesso le strutture edilizie.

Il palazzo, ora di proprietà comunale, si articola su una pianta a forma di "C" con sviluppo in altezza variabile in funzione dell’altezza interna dei piani. Il complesso edilizio si compone di tre differenti corpi di fabbrica: il primo prospiciente via Santa Croce è stato oggetto nel 2007-08 di un intervento di ristrutturazione per trasformarlo in Residenza per studenti universitari, il secondo su via A. Rossi sarà destinato ad alloggi e il terzo, compreso tra via F.lli Vaschetto e via A. Rossi, è considerato la parte “nobile” con sale e locali affrescati.

I prospetti, molto semplici, in mattoni con faccia a vista, sono arricchiti, nel primo piano, da un bel balcone con ringhiera in ferro lavorato e stemma di famiglia dei Conti di Samone.

La disposizione planimetrica del fabbricato ha creato due cortili interni comunicanti tra loro sui quali si affaccia un loggiato parzialmente chiuso con vetrate.

Il tetto è in legno con capriate alla piemontese con copertura in lastre di ardesia. Le volte delle sale del piano primo sono affrescate e portano decorazioni geometriche policrome, le porte interne sono del XVIII secolo. Il vano scale presenta i vecchi pavimenti in pietra di Barge e i gradini in luserna.
Il fabbricato ospita gli uffici del Settore Cultura ed è sede di mostre temporanee.

Arch. Salvatore Vitale

PRIMO PIANO | Tutte le news

RSS
07.07.2020 - Cultura, Biblioteca 0-18

Ecco un uovo > Laboratorio di lettura (24-48 mesi)

Sabato 11 luglio alle ore 11, un nuovo...

06.07.2020 - Cultura, Biblioteca 0-18

Ti cerco ti trovo > Laboratorio di lettura (5-6 anni)

Giovedì 9 luglio alle ore 17, un nuovo...

04.07.2020 - Cultura, Biblioteca 0-18

Storie di quartiere > Letture al Donatello (6-8 anni)

A partire da mercoledì 8 luglio, tre...

02.07.2020 - Stampa e Comunicazione, Cultura, Manifestazioni, #RipartenzaResponsabile

Arena Cuneo Live Festival

dal 9 luglio al 12 settembre - Pala Ubi...

02.07.2020 - Cultura, Teatro Toselli

Rassegna "Incanti nei Parchi"

Al via domenica 5 luglio una nuova...

30.06.2020 - Cultura, Biblioteca 0-18

Voci nel parco > Letture ai Giardini Primo Levi

A partire da lunedì 6 luglio, 7...

25.06.2020 - Cultura, Spettacoli, Cinema Monviso

Il Cinema Monviso riapre al pubblico

da giovedì 25 giugno 2020