Menu di scelta rapida
Sei in: Home / Ambiente e Mobilità / Biciclette / Biciclette / Impianto ciclismo protetto

Descrizione e modalità di accesso

Link alla versione stampabile della pagina corrente

L’impianto per il ciclismo protetto si trova presso il Parco della Gioventù, nell’area 1 del Parco Fluviale di Cuneo ed è costituito da due anelli raccordati tra di loro da un tratto di 75 metri:

  • anello principale avente lunghezza complessiva pari a 600 metri;
  • anello ridotto avente lunghezza pari a 400 metri.

Il percorso è interamente pianeggiante, pavimentato in asfalto e largo 5 metri.

Inoltre è dotato di un impianto di illuminazione tale da permettere lo svolgimento di allenamenti e manifestazioni anche in notturna.

Info e orari: GIS Cuneo - Gestione Impianti Sportivi

La parola ad un esperto

E’ vera soddisfazione quella che provo nel vedere realizzata questa meraviglia, soprattutto se vado a ripensare a quel caldo pomeriggio del giugno 2001 quando ci trovammo a discuterne, seduti intorno al classico tavolo, in 6 o 7 persone.

Una struttura di questa portata merita un’attenzione del tutto particolare e da parte mia in modo specifico perché, provenendo dal mondo delle 2 ruote, non può che farmi andare nello stesso tempo indietro ed avanti con la mente.

Indietro perchè mi fa ritornare ai miei esordi agonistici (e parliamo di 35 anni or sono...), quando con i compagni di allenamento tracciavamo con della vernice bianca la linea di arrivo su strette stradine di campagna e ci si sfidava a “sprintare” e a stilare classifiche.

Avanti perché queste stesse azioni oggi, finalmente, possono essere ripetute in ambiente completamente sicuro e sotto gli occhi vigili ed attenti anche dei genitori che in questo modo potranno avvicinare i propri figlioli al mondo affascinante del ciclismo.

Voglio sottolineare la parola “avvicinare” perché questa è la cosa a cui più tengo e che mi auguro questa pista possa rappresentare: avvicinare alla pratica ciclistica (non necessariamente agonistica) la maggior parte possibile delle persone, iniziando naturalmente dalle fasce dei più piccoli che, con le proprie maestre ed i propri insegnanti, potranno così imparare a pedalare e sentire la brezza del vento sul viso.

La città di Cuneo ha fatto veramente tanto negli ultimi anni per sviluppare la pratica delle 2 ruote e questo impianto – ne sono certo – segnerà una svolta nella storia ciclistica della città perché non dobbiamo dimenticare che, almeno quando il meteo ce lo permette, andare in ufficio in sella alla nostra bicicletta ci aiuta a stare meglio in salute e a salvaguardare i polmoni dei nostri concittadini (e il Sindaco Sig. Valmaggia ce lo dimostra con tanto di “gregari” del calibro di Allario, Pellegrino, etc. etc...).

Un grazie di cuore da chi il ciclismo lo ama davvero tanto.
Alberto Minetti

PRIMO PIANO | Tutte le news

RSS
15.11.2019 - Ambiente e Mobilità, Trasporti, Biciclette, Parco Fluviale

Pedis...Cool! Per andare a scuola in modo sano, sicuro, divertente ed ecologico

Mercoledì i bambini della Scuola...

12.11.2019 - Ambiente e Mobilità, Trasporti

Chiusura ascensore inclinato per montaggio copertura antineve mercoledì 13 novembre

In considerazione delle avverse...

12.11.2019 - Ambiente e Mobilità, Parco Fluviale, Biciclette

Chiusura stazione lavabici fino alla prossima primavera

A causa dell'abbassamento delle...

05.11.2019 - Ambiente e Mobilità, Parco Fluviale

Cambiamenti climatici e agricoltura, un focus sull’innovazione in viticoltura

Lunedì 18 novembre, dalle ore 9 alle...